yes
no
6/mamme/slider
no
Image and video hosting by TinyPic

Montessori: Il cestino delle mollette

9 commenti
Nella Casa dei Bambini, per preparare la mano alla scrittura, i bimbi hanno a disposizione una serie di strumenti: dalle attività di vita pratica al materiale sensoriale, ogni esercizio ha la funzione di affinare i movimenti e svilupparne la coordinazione. Essi infatti hanno lo scopo di preparare indirettamente la mano alla scrittura attraverso la stimolazione all’uso delle tre dita (pollice, indice e medio) necessarie per una buona prensione della penna.
In una prima fase, infatti, la mano viene educata alla scrittura senza lasciare una traccia diretta su di un foglio  ma proponendo delle attività propedeutiche che hanno la funzione di renderla leggera, esercitata alla prensione, ferma e con il polso sciolto al punto da poter scrivere in modo sufficientemente fluido e senza stancarsi.Tra gli esercizi di preparazione alla scrittura ce n'è uno molto semplice da fare e da proporre già a partire dai due anni e mezzo: IL CESTINO DELLE MOLLETTE


Materiale Necessario:

un cestino (o scatola);  mollette di legno


 
Presentazione:


Ci si siede alla destra del bambino, si prende una molletta alla volta aprendola lentamente con le tre dita (pollice, indice e medio) e la si posiziona sul bordo della scatola/cestino. Si continua l’esercizio affiancando le mollette una vicina all’altra sul bordo. 




Una volta posizionate tutte si fa il percorso inverso riponendole, sempre una alla volta con movimenti lenti, nella scatola.




Oltre che per la preparazione indiretta alla scrittura questo è un esercizio utile per lo sviluppo di una capacità  importantissima:

La prima premessa per lo sviluppo del bambino è la concentrazione. Il bambino che si concentra è immensamente felice” (Maria Montessori).

Ricordatevi di riporre la scatola in un luogo facilmente accessibile per il bimbo in modo che possa utilizzarle in modo autonomo. Ci sono molte varianti interessanti per questa attività che vedremo nel dettaglio nei prossimi appuntamenti.

A presto!

Maestra Montessoriana Chiaraluce
author profile image
Abdelghafour

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book.

9 commenti

  1. uno dei passatempi preferiti di mia figlia da un anno a questa parte è sistemare proprio come descrivi tu le mollette sui bordi del cestino per poi passarmele quando ne ho bisogno...adesso grazie a te scopro che oltre ad impegnarla è anche utile! grazie a voi scopro sempre cose interessantissime!

    RispondiElimina
  2. Grazie, bel post.
    Perche' ci si deve sedere alla destra del bambino Chiaraluce?

    RispondiElimina
  3. Le mollette sono state proprio uno dei primi giochi preferiti del mio bimbo insieme al "cestino dei tesori" ed ancora oggi è una delle cose che lo vede maggiormente concentrato ed impegnato a volte, le usa sia in legno che in plastica colorata :)

    RispondiElimina
  4. @frasi: mi fa piacere! Presto integrerò il post con suggerimenti per aiutare il bambino a conoscere le lettere dell'alfabeto attraverso le mollette : )

    @Mammadesign: è un particolare di fondamentale importanza; se ti siedi alla sua sinistra mentre mostri l'azione da compiere inevitabilmente con il tuo braccio intralcerai la sua visuale. Prova e vedrai! ; )

    @MissMeletta: grazie per avermi ricordato il 'cestino dei tesori', magari ne parlerò per i bimbi più piccolini!

    RispondiElimina
  5. Ciao. Mio figlio di tre anni prende in mano la penna in modo "assurdo". Non so mai se lo devo correggere perchè se gli prendo la penna per rimettergliela in mano in modo "corretto" (esistono quste definizioni? a scuola con me c'èera un ragazzo he prndeva la penna come la prende mio figlio, e scriveva perfettamente! non so se è una preocupazione sana la mia, ma mi pare che mio filio non riesca a colorare nè a disegnare tenendo la mano così, infatti si stanca molto presto pur mostrando il desiderio di disegnare)subito abbandona. Neanche lui are comodo, perchè spesso cambia l'impugnatura (e anche la mano, altrena ancora destra e sinistra), ma mai l'ho visto prendere in modo classico. Cosa devo fare? E' una cosa che mi deve preocupare? GRAZIE! Claudia

    RispondiElimina
  6. Ciao Claudia! Direi che non ti devi preoccupare perché è nell'età giusta per aiutarlo a modificare l'impugnatura. Maria Montessori parlava di una preparazione indiretta alla scrittura che consiste proprio nell'offrire al bambino materiali che consentano di sciogliere il polso, allenare alla prensione le tre dita (pollice, indice e medio)e rendere leggera la mano in modo che in futuro possa scrivere senza stancarsi. Ci sono molte attività utili a questo scopo: gli incastri piani, i cilindretti dei rumori, le tavolette del liscio e del ruvido... Anche il semplice avvitare-svitare tubetti di diametro diverso (vasetti vuoti di creme, succhi...) utilizzando le tre dita consente al bambino di allenare e migliorare la prensione. A presto!

    RispondiElimina
  7. Oggi lo propongo a Chiara.Mi domando e dico,ma le maestre di sostegno non dovrebbero anche conoscere la metodologia montessoriana?Fare un'attività di questo tipo potrebbe essere solo che utile a mia figlia che ha un ritardo dello sviluppo, sia linguistico che motorio,ma volete mettere quanto è più semplice metterle davanti un foglio e pretendere che colori tutto il tempo???

    RispondiElimina
  8. Ciao Francesca! Certo che sarebbe utile, anzi, auspicabile che la metodologia montessoriana (su cui peraltro si basano molti dei 'giochi' che troviamo in commercio) fosse conosciuta da tutte le insegnanti, specialmente da chi deve svolgere un ruolo tanto delicato come quello del sostegno ad un bambino speciale. Io stessa, pur non essendo specializzata, ho lavorato per un anno scolastico come insegnante di sostegno (la graduatoria delle specializzate era esaurita) utilizzando la metodologia montessoriana e ho avuto dei grossi risultati con un bambino che aveva difficoltà cognitive e psico-motorie. Magari integra tu il lavoro che fa a scuola con delle attività alternative come questa che potrebbero incuriosirla proprio perché inusuali e allo stesso tempo aiutarla a migliorare la concentrazione e la coordinazione. Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. ciao Chiaraluce, complimenti per quello che scrivi. Volevo chiederti se attività con le mollette possono essere fatte anche coi bambini più piccoli, tipo di un anno e mezzo. Chiaramente meno strutturate...Anche a quell' età li vedo già molto interessa.ti alle mollette...Grazie! Stefania

    RispondiElimina

Ti va di parlarne?

no