yes
no
6/mamme/slider
no
Image and video hosting by TinyPic

Svezzamento: Passato di piselli freschi

Nessun commento
E' molto importante educare fin da subito il palato dei nostri bambini ai sapori delle verdure di stagione.
In questo periodo cominciano a comparire sui banchi del mercato i primi piselli freschi che sono dolcissimi e per questo molto graditi dai piccoli.
Le dosi sono per quattro pappe. L'ideale è conservare le porzioni che non consumate subito nel congelatore. Al momento dell'uso potete scaldare la pappa a bagnomaria o nel microonde.
Ricordate di utilizzare sempre contenitori sterili e di mettere sempre un'etichetta che riporti il contenuto e la data di preparazione.



INGREDIENTI

300 grammi circa di piselli freschi sgranati
una piccola lattuga (consiglio la lattuga romana, molto tenera e dolce)
uno spicchio di cipolla
una tazzina di latte 
un pizzico di sale (facoltativo)
parmigiano e olio extravergine per servire

Mettere i piselli in una casseruola, coprirli con l'acqua (ne occorrono circa quattro tazze).
Aggiungete il sale (se lo mettete).
Pulire la lattuga tenendo solo le foglie interne più tenere, lavarla bene, spezzettarla e aggiungerla ai piselli insieme alla cipolla.
Far cuocere con il coperchio per 20 minuti circa (assaggiare i piselli e se è il caso prolungare di qualche minuto la cottura.
Passare i piselli con il liquido di cottura al passaverdura con il disco dai fori più fini.
Versare nuovamente nella casseruola, aggiungere il latte e scaldare a fiamma bassa per un paio di minuti.
A piacere aggiungere un cucchiaio di semolino istantaneo o di pastina cotta a parte.
(Se risultasse troppo denso aggiungere qualche cucchiaio d'acqua).
Servire con parmigiano e un cucchiaino di olio extravergine.


Anna

Immagine presa qui
author profile image
Abdelghafour

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book.

Nessun commento

Posta un commento

Ti va di parlarne?

no