yes
no
6/mamme/slider
no
Image and video hosting by TinyPic

#10coseSuper: un primo resoconto

24 commenti
E così è andata!

Qualcuno ce l’aveva pur detto che continuare a sniffare gli effluvi di un noto detergente per pavimenti alla lavanda non sarebbe stato proprio salutare, ma noi di QNUM un po’ ce ne freghiamo e un po’ abbiamo bisogno di drogarci di deliri.

E così è andata!

Giovedì 10 maggio, a pochi giorni dalla festa della mamma, in pieno delirio da cambio di stagione-bassapressione-stanchezza cronica abbiamo provato a dircelo quanto siamo super e siamo partite con la prima fase di #10coseSuper.

 Abbiamo provato a guardarci in faccia, in avatar a dire la verità, ci siamo date appuntamento, abbiamo preso un impegno con noi stesse e con le altre e ci siamo state.

E io, lo confesso, quasi non ci credevo. Quasi non credevo a tutto quel cinguettare, a tutte quelle donne pronte a mettersi in discussione, ridere, scherzare ma anche “seriare”, perché cinguettando e starnazzando ci siamo dette delle belle cose, delle cose vere.

E quasi non credevo all’onda di emozione che tutto questo twittare mi stava trasmettendo. Qualcuno l’ha definito uno tsunami, altre l’hanno definito contagioso, virale, certo è che questa voglia di sentirmi super, di concedere a me stessa una giornata di supervalutazione invece che di svalutazione mi è montata dentro con una forza che, a notte fonda, ho fatto fatica a fermare per costringermi a rallentare e dormire, mentre invece avrei voluto accendere il portatile e mettere mano a quel fiume di parole che continuava a scorrere per vedere cosa c’era dentro.

Alla fine ho ceduto alla stanchezza e ho (quasi)dormito e i cinguettii li ho ripresi nel pomeriggio.

Questo è un po’ un sunto, ve la butto giù concisa e poco tecnica e vi rimando alla pubblicazione dell’e-book conclusivo per gli approfondimenti.

 Questo è il grafico delle cose che ci siamo dette tra la mattina del 10 e quella dell’11 maggio (lo ammetto, non ho resistito! L’evento su twitter era per il 10, ma visto che abbiamo continuato a cinguettare anche per tutta la mattinata successiva ho inserito anche quei post!)


Siete scappate? Vi ho fatto paura?

No, su dai! Non mi dite che non si capisce nulla. Che è incomprensibile! Siamo o non siamo SUPER?

Vi ricordate almeno vagamente qualcosa di geometria? Assi cartesiani? Ditemi di sì, vi prego!

Ok, funziona così: le etichette piccole sono gli argomenti di cui abbiamo parlato, la loro posizione sul grafico dipende dalla loro frequenza e vicinanza (se siete interessate alla metodologia di analisi potete contattarmi direttamente) e possiamo “leggerle” facendo riferimento ai due assi cartesiani.

Sull’asse verticale si sono posizionati gli argomenti che hanno a che fare con la cura: CURA DI SÉ, in basso, e CURA DELL’ALTRO, in alto:

Sull’asse orizzontale si sono posizionati gli argomenti che anno a che fare con la RESPONSABILITÀ, a destra, e con la LIBERTÀ, a sinistra.

Che succede quando gli assi si incontrano?
  1. Quadrante in alto a destra: le cose che facciamo come CURA DEGLI ALTRI e per RESPONSABILITÀ. L’abbiamo chiamata l’area del DOVERE (mamma, figli, super, riuscire, casa).
  2. Quadrante in basso a destra: le cose che facciamo come CURA DI SÉ e per RESPONSABILITÀ. L’abbiamo chiamata l’area della PROFESSIONALITÀ (lavoro!). 
  3. Quadrante in basso a sinistra: le cose che facciamo come CURA DI SÉ e in LIBERTÀ. L’abbiamo chiamata l’area del NUTRIMENTO (tempo, riconoscere, parola, prendere). 
  4. Quadrante in alto a sinistra: le cose che facciamo come CURA DEGLI ALTRI e in LIBERTÀ. L’abbiamo chiamata l’area della CREATIVITÀ (pensare, inventare, risorse, cominciare).
Non notate nulla di strano? Sembra proprio che l’area in cui ci sentiamo più Super sia quella del fare per gli altri (sia nel senso della responsabilità, sia nel senso di prenderci quella libertà di scegliere e pensare che ci fa essere creative e scoprire mille risorse). Nel nostro immaginario invece è più sguarnita l’area dell’essere Super per noi stesse: i due quadranti in basso, infatti, sono quasi vuoti.

Soprattutto è da notare che il cluster SUPER è nel quadrante del dovere: ci riconosciamo e descriviamo Super perché come brave crocerossine siamo bravissime ad esserci sempre per gli altri e ad assolvere tutto ciò che sentiamo come dovere e responsabilità.

Riusciremo a spostare quel SUPER nel quadrante opposto? Quello in cui scegliamo di fare cose per noi? Per  nutrirci? O nel quadrante della professionalità, in cui essere e riconoscerci Super per le nostre competenze?

Questo è quello che ci trasmette il software per la parte quantitativa dell’analisi. Ma il software non c’era il 10 maggio e non può fare l’analisi delle emozioni che abbiamo vissuto quel giorno.
Non può sapere quanto ci ha emozionato Nina, con la sua battaglia e la sua forza, e non può sapere quanta fatica abbia fatto Una mamma snob, partita da zero e arrivata a costruire ben più di 10 cose Super.



Non può capire cosa sia stato sentire l’onda di questo tsunami di energia, ammalarsi di questo virus.


 
Chi non c’era non può capire perché, già il giorno dopo, avevamo sviluppato dipendenza verso eventi come #10coseSuper e già ci sentivamo in crisi di astinenza.


Chi non c’era può capirlo solo attraverso i nostri racconti. Chi c’era lo sa.
Grazie a tutte voi!

@_blunotte_
@_valepi
@3Rossana
@amarzatico
@AntiniskaP
@Antovoce
@BabyPlannerIT
@Bamamma
@bismama
@blogmamme
@cappuccioecor
@caroladimarco
@cily75
@cruslacasalinga
@d_brambillasca
@DabogirlScinti
@DianaPilotto
@donnaconfuso
@Elegraf77
@Farelamamma
@Fioridilylla
@gioix77
@kettypassa
@LauraZampella
@lautoi
@Liberadidire79
@MammaAlice
@Mammadesign
@mammadifretta
@mammainse
@mammamiacosaf
@MammeAcrobate
@mammemacerata
@MammeMatte
@MammolaBlogspot
@Manu_Acrobata
@MariaAmbrosone
@mbaudino
@MdeiPiccoli
@MissChiaraluce
@misseldastyle
@MOMS_PARK
@MStillday
@NickCelentano
@NinaCerca
@paolamaria7
@Paroladilaura
@PerfettoAnna
@Prof2punto0
@Quandonasceunam
@qufupi
@scartaccia
@Seavessi
@Silvia_Berny
@simonaelle
@simplymamma
@simplymamma
@TheYummyMom
@TinyGlitterGlam
@TitoNeroni
@tsunamitracker
@UnaMammaSnob
@wylmadisalvo
@zianana79



Valeria

author profile image
Abdelghafour

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book.

24 commenti

  1. Che bello!!! l'ho divorato questo post e so già che appena finisco di scrivere il mio, torno qui e lo rileggo ancora e ancora! Che enorme potenziale, che prezioso contenitore! Grazie donne, grazie davvero a tutte...oggi ne ho bisogno di emozioni così!

    RispondiElimina
  2. Bellissimooo! Organizzate un biss miraccomando! Sarò più preparata! Ih ih ih ih! Mhuààà bellissime creature! :)

    RispondiElimina
  3. Bello... grazie di averci ricordato che dobbiamo pensare di più a noi :D ... Uffa però! Vi siete dimenticate di me :-(
    Francesca_MammeSBT

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ommammina! Mi hai messo una paura! Mi stavo già mortificando!
      Vedrai. Ci sarai nel resoconto blogger.

      Elimina
  4. @Una Mamma Snob: tieniti pronta.... ; )
    @Francesca qual è il tuo nick su twitter?

    RispondiElimina
  5. scartaccia@libero.it16 maggio 2012 14:38

    i risultati cadono a fagiolo...un momento in cui sono nel DOVERE ma sento di farlo pure male... mammasottostress

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resisti! Se ci mettiamo d'impegno organizziamo un trasloco di gruppo verso l'area del piacere

      Elimina
  6. Sei stata incredibile! Ma come sei riuscita a realizzare questo lavoro? Non aggiungo altro, perchè potrei sembrare poco credibile,bravissima Valeria e bravissime tutte quelle che hanno partecipato al social event

    RispondiElimina
  7. @Psico-mom-blogger Ops! scusate tanto, con la piccola belva attaccata alla gamba mi era sfuggito il fatto che l'elenco era riferito ai nick su twitter... mi manca! Scusate! Visto: sono SUPER anche a fare gaffe ;-) grazie ancora :D

    RispondiElimina
  8. Tranquilla Francesca ; ) Però sarai nominata di sicuro nei risultati relativi ai post sui blog! : )

    RispondiElimina
  9. E ho scoperto che stavolta iPhone vince su PC: dal telefono riesco a rispondere con messaggio diretto, dal pc no!!

    RispondiElimina
  10. Sono proprio svampita... scusate non volevo creare trambusto! Attendo il resoconto blogger per vedere il risultato... speriamo che la parte dedicata alla cura di sè sia più ricca... ce lo meritiamo! Grazie di tutto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci conto! Ho l'impressione che dai blog, dove abbiamo modo di esprimerci più a fondo, verranno fuori altre ricchezze.

      Elimina
  11. fantastico!!!!complimenti davvero!
    attendo con ansia il risultato dei blog!

    RispondiElimina
  12. Grazie!sia x il post che x l'iniziativa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazia a te e a tutte. Noi per prime dtiamo sperimentando la forza di questa rete.

      Elimina
  13. Ma è bellissimo... oddio... donne diamoci il permesso di avere cura di noi! Cambiamo la nostra dieta di carezze. Ho come l'impressione che i due quadranti di sotto siano le "radici" di quelli di sopra. E più uno dà, più si deve prendere cura di sè.
    Grazie Valeria, un gran lavoro.
    Grazie a tutte color che hanno partecipato e che mi hanno contagiato con il loro entusiasmo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie te Ba! Non avrei saputo dirlo meglio.

      Elimina
  14. Ma che bel lavoro!Guarda te cosa ne è saltato fuori!Splendido!
    Grazie per l'opportunità che mi hai dato di esprimermi.
    Un abbraccio!;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver condiviso con noi una parte di te.
      :)

      Elimina

Ti va di parlarne?

no