yes
no
6/mamme/slider
no
Image and video hosting by TinyPic

Ricetta: Panini allo Yogurt

5 commenti
Buongiorno a tutte le mamme di QNUM!
Eccomi tornata a casa e al mio amato forno!
E voi? Pronte per l'autunno? Devo confessare che adoro tutto dell'autunno: i colori caldi, l'aria frizzantina, la pioggia che scende mentre io sono al calduccio in casa... magari con il forno acceso e il profumo di un dolce che cuoce.

L'autunno è quella stagione in cui viene più voglia di preparare una cuccia confortevole in previsione dell'inverno che verrà.
E' anche quella stagione in cui sale la "febbre dell'ordine" e si vorrebbe una casa (e una cucina) perfettamente organizzate.
Certo è che tra i bimbi piccoli e il lavoro non sempre è così facile.
Spesso noi mamme siamo veramente costrette a fare i cosiddetti "salti mortali".
E' per questo che ho pensato di aggiungere dei "consigli salvavita" alla ricetta settimanale.
Solo piccole cose e poco alla volta: è impensabile cercare cambiamenti radicali.
Possiamo però lavorare un piccolo passo alla volta per organizzare una dispensa "a prova di ospiti", una lista della spesa "antisprechi" e un frigorifero e un congelatore che ci permettano di sopravvivere ai momenti di crisi domestica. 
Parleremo di come organizzare un menù settimanale per i grandi e di come avere nel congelatore la pappa sempre pronta per i cuccioli di casa.
Di come scegliere frutta e verdura di stagione per noi e per i nostri bambini ma anche di come preparaci un'ottimo pane nel forno di casa nostra.
E cosa c'è di più buono, confortante e coccoloso del profumo del pane che cuoce?

Oggi voglio proporvi dei panini semplicissimi e talmente morbidi e fragranti che non potrete più farne a meno.
Fare il pane in casa non è affatto complicato e se ne preparate in abbondanza e lo conservate già porzionato nel congelatore non dovrete più pensarci per tutta la settimana: basterà tirarlo fuori un paio d'ore prima e lasciarlo scongelare a temperatura ambiente oppure, se avete molta fretta, potete scongelarlo nel forno a microonde.
Potete decidere di fare il pane il sabato mattina magari quando potete contare sull'aiuto del vostro compagno o in un altro momento in cui siete supportate dai nonni.
Oppure, se i vostri bimbi sono già grandicelli, farvi aiutare da loro.

Vediamo alcune semplici regole per facilitarci il lavoro:
- scegliete sempre farine di ottima qualità: rendono di più e lievitano meglio
- potete usare il lievito di birra fresco (in cubetti) o secco (in questo caso è in bustine) oppure se proprio volete lanciarvi anima e corpo in quest'impresa potete preparare il "lievito madre" ma questo è un argomento che merita un post a sé.
- Per aiutare la lievitazione bisogna usare un ingrediente dolce: in questi panini io metto il miele ma va bene anche lo zucchero o il malto d'orzo;
- ricordate che panificare è un'arte che si apprende sul campo: se i primi risultati sono deludenti non scoraggiatevi, il vostro pane diventerà sempre più buono!

Ecco cosa ci serve:
500 di di farina tipo manitoba (la migliore per i lievitati)
300 grammi di farina integrale
un vasetto di yogurt bianco al naturale
mezzo cubetto di lievito di birra fresco (oppure una bustina di lievito di birra secco)
due cucchiaini di miele (o due cucchiaini di zucchero)
due cucchiaini scarsi di sale
50 grammi di burro a temperatura ambiente (facoltativo ma ve lo consiglio!)
acqua appena tiepida q.b.

In una tazza sciogliere il lievito con il miele e un bicchiere d'acqua (appena tiepida).
Coprire la tazza e far riposare per una decina di minuti.
Intanto in una grossa ciotola versare le due farine mescolate al sale e nel centro mettere lo yogurt (tolto dal frigo almeno mezz'ora prima), il burro e il composto di lievito.
Cominciare a impastare aggiungendo poca acqua per volta e solo dopo che il liquido precedente sia stato assorbito, fino a raggiungere la consistenza morbida della pasta da pane.
Mettere l'impasto sul tavolo leggermente infarinato e lavorarla bene con le mani almeno per dieci, meglio quindici, minuti. 
Porre l'impasto nella ciotola, coprirlo con uno strofinaccio pulito bagnato e ben strizzato e lasciare lievitare per due-tre ore a temperatura ambiente.
Riprendere l'impasto e lavorarlo per qualche minuto poi dividerlo in tante palline della grandezza di un piccolo mandarino e metterle a lievitare sulla teglia del forno ricoperta di carta forno tenendole ben distanziate fra loro per un'ora.
Infornare a 190 gradi per una ventina di minuti (prima di sfornare fare la prova con il dorso di un cucchiaio: se battendolo sul pane fa un suono sordo allora il pane è cotto; è molto importante perchè il tempo di cottura dipende molto dalla potenza e dalla tipologia del forno).
Lasciare intiepidire.
Sono ottimi con burro e marmellata (o nutella) ma anche con formaggi, affettati e tutto quello che vi suggerisce la fantasia.

Noi ci rileggiamo la settimana prossima con una ricetta per i piccolini di casa e i consigli per avere sempre la loro dispensa ben fornita di pappe golose e merende invitanti.

Mi piacerebbe sapere quali sono gli argomenti che vi interesserebbe leggere e vi suggerisco di postare qui sotto tutte le domande che vi vengono in mente sul pane o su quant'altro possa interessarvi. Sarò felice di rispondervi!



author profile image
Abdelghafour

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book.

5 commenti

  1. Cara Anna, che bello il tuo intervento, complimenti! Anch'io adoro l'autunno (in realtà, amo tutte le stagioni e ciò che ci offrono) e leggerti, mi ha fatto venir voglia di trovare il tempo per fare il pane che consigli. Ho, però, una domanda per te. Spesso utilizzo la macchina del pane per fare il pane in cassetta - ottimo per la prima colazione. Le farine integrali e l'aggiunta di qualche seme, rendono il pane gustosissimo. Ho abbandonato il lievito di birra tanto tempo fa. Uso un lievito madre, secondo me, eccellente che acquisto da Valle Bio o in erboristeria, della marca "Antico molino rosso". E' comodo perché è in polvere: ma, come devo regolarmi conla dose? O meglio, quanto ne devo usare per la ricetta di cui parli? Grazie! Anna Capurso di Bambini del Terzo Millennio

    RispondiElimina
  2. Cara Anna, prima di tutto grazie per i complimenti e sono davvero felice di averti fatto venire voglia di preparare questi panini!
    Dunque, il lievito madre presenta innegabili vantaggi sia dal punto di vista della salute (i prodotti da forno ottenuti con il lievito madre sono più digeribili e assimilabili per l'organismo) sia da un punto di vista del sapore (profumo e sapore del pane prodotto con il lievito madre sono da "svenimento", quindi fai benissimo ad usarlo. Fermo restando che si può preparare il lievito madre in casa (e questo, come ho scritto, merita un post a sè) esistono in commercio varie tipologie di lievito madre, le più comode sono senz'altro quelle in polvere che utilizzi tu (e spesso anch'io). Per le dosi io di solito mi regolo seguendo le indicazioni presenti sulla confezione (quella che uso io di solito è monodose e indicata per mezzo chilo di farina) quindi direi che per il quantitativo indicato nella ricetta (800 grammi di farina fra manitoba e integrale) puoi usarne una bustina e mezza. Però, se hai tempo, io proverei anche solo con una bustina (in questo caso farei lievitare per tutta la giornata riprendendo l'impasto ogni tre ore circa, lavorandolo brevemente e rimettendolo a lievitare). Penso che il pane ne guadagnerà in sapore e sofficità! Tienimi informata così eventualmente si può aggiungere un aggiornamento al post con la variante dell'uso del lievito madre. Grazie ancora, un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Complimenti per il tuo blog. Ho pensato di darti un premio. Vieni a ritirarlo da me!!!!

    RispondiElimina
  4. Manuela... grazie!!!!! Passo subito da te!

    RispondiElimina
  5. Grazie mille Manuela per questo splendido premio! : )

    RispondiElimina

Ti va di parlarne?

no