yes
no
6/mamme/slider
no
Image and video hosting by TinyPic

Aiuto! Ho sognato il mio capoufficio!

2 commenti

Ho chiesto a Marzia Mazzavillani, conosciuta in rete come Marni, di spiegarci cosa significa sognare il capo o i colleghi. Si occupa di Counseling di Voice Dialogue e di Sogni ed è conosciuta per la professionalità e competenza rispetto a questo strumento terapeutico e di benessere.

 


I sogni portano a galla ciò che è sepolto nell’inconscio, ma spesso riflettono ciò che si sta vivendo: ansie, problemi, timori, desideri. A volte compensano con immagini appaganti i bisogni del sognatore, altre volte, crudamente, presentano una realtà frustrante. Il tema del lavoro e della vita sociale rientra purtroppo in questa categoria ed è comune nei sogni degli occidentali. Ma sono le donne con una vita multitasking che entrano ed escono nei ruoli di mamma, moglie, amante, donna delle pulizie, impiegata, donna in carriera con automatismi acquisisti a livello culturale, ad accusare quote di stress che incidono profondamente sui sogni. Se molte donne lamentano, durante i periodi più frenetici, di non ricordare i sogni, altre ricordano bene la carica di paura e di ansia che sopravvive al mattino quando le immagini del sogno sono oramai svanite o, al contrario, le sensazioni estatiche che fanno a pugni con la realtà. 

Quali sono le situazioni oniriche ed i significati più comuni legati al lavoro, e come utilizzarli senza lasciarsi risucchiare dalla carica ansiogena del sogno? 

Se nella realtà lavorativa ci sono attriti che compromettono la qualità delle relazioni è facile che appaiano sogni di compensazione in cui si risolvono le situazioni conflittuali e quelle ormai compromesse. Tipico l’esempio di chi è perseguitata dal capoufficio: può sognare di esser apprezzata e premiata, di avere una relazione d’amore con lui, di sentire la felicità, di aver finalmente risolto ciò che era fonte di sofferenza. 
Quando il conflitto è con una collega può accadere lo stesso: riconciliazioni, abbracci, senso di calore. L’inconscio compensa la preoccupazione con immagini gratificanti, proteggendo dalla paura e dall’ansia della realtà. Lo scopo è quello di salvaguardare il riposo facendo sì che le emozioni negative non portino al risveglio. Ma c’è una ragione più profonda legata al percorso di individuazione della sognatrice, una ragione che può far riflettere ed esser sfruttata per la crescita personale. Come sarebbe la vita se si riuscisse ad integrare alcune caratteristiche di queste persone conflittuali? Come sarebbe andare in ufficio con un po’ del pelo sullo stomaco del capoufficio, con un po’ della perfidia della collega? Il personaggio conflittuale del sogno è simbolo di una caratteristica che manca nel sistema psicologico della sognatrice, di qui la necessità di riappropriarsi del proprio potere personale per non farsi calpestare, non subire umiliazioni, non sottostare a situazioni fonte di sofferenza.
 
Ma può accadere che i sogni presentino elementi realistici e sgradevoli corredati da sensazioni di ansia. Quando esistono nel carattere aspetti di perfezionismo, quando si richiede a se stesse tanto, e forse troppo, ecco allora i sogni con una presenza giudicante che non risparmia le critiche, i sogni in cui non ci si sente all’altezza, in cui si cerca, senza riuscirci mai, di assolvere un impegno, di arrivare in orario in ufficio, di prendere il treno, di aspettarlo invano. Comune anche il bisogno di fare pipì nel luogo di lavoro, la ricerca di un luogo adatto al riparo dagli occhi dei colleghi o del capo, l’essere nuda davanti a tutti, magari proprio in ufficio. Sono tutte situazioni oniriche collegate alle interazioni sociali vissute al lavoro e al dovere essere all’altezza del ruolo scelto o imposto. Il significato di questi sogni? La necessità di esprimere ciò che si è con parole e fatti, lavorare sull’autostima, accettare gli aspetti di sé meno interessati alla competizione, confrontarsi con la paura del giudizio altrui ecc.

Anche sogni ansiogeni come quelli legati al lavoro, quando non vengono considerati solo uno sfogo notturno, possono essere un’opportunità per conoscersi meglio e migliorare la propria vita.


Silvia


Immagine presa qui
author profile image
Abdelghafour

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book.

2 commenti

  1. Io sogno e ricordo sempre i miei sogni, che a dir la verità non sono mai belli, ma sempre agitati.
    Stanotte ad es. ho sognato che mi tel. un signore x chiedermi se il suo gatto era da me. L'ho trovato in giardino, era un gatto bianco e nero e quando ho fatto x prenderlo mi ha scarnificato una mano....

    RispondiElimina
  2. Salve moky, spesso i sogni agitati sono una spia di un situazione di stress o di reale agitazione… è un bene comunque che tu li ricordi e sarebbe ancora meglio se tu li scrivessi..ti aiuterebbe a comprenderne molte sfumature…
    Quanto al sogno che racconti… è improntate quando si racconta un sogno parlare anche delle emozioni che si sono sentite …se ti interessa avere qualche informazione sul simbolo del gatto puoi cercare il simbolo nella mia guida sogni
    Un caro saluto
    marni

    RispondiElimina

Ti va di parlarne?

no