yes
no
6/mamme/slider
no
Image and video hosting by TinyPic

Allattare d'estate

Nessun commento
Cosa deve sapere la mamma che allatta d'estate?
Ci sono degli accorgimenti particolari?

Allattare è davvero molto semplice e facile (se non siete alle prese con dei problemi, cosa che spero di no, ma se ne avete, cercate aiuto per risolverli!).

Basta tirar fuori il seno, e voilà, tutto quello che serve al bambino è lì, pronto e perfetto per lui.
Che sia agosto o dicembre non fa alcuna differenza.

Col caldo possono nascere  però alcune domande. Inoltre qualche trucco di sopravvivenza ci può aiutare.

  • Idratazione del bambino: il caldo può farvi venire qualche dubbio, o le persone intorno possono attaccare col tormentone tipico estivo: “ma non avrà anche sete??” - “ma non gli dai un po' d'acqua??”
Ebbene no: un bambino allattato non ha bisogno di altra acqua, perchè il latte materno ne contiene già abbastanza. Inoltre se fa tanto caldo i bimbi si regolano da soli nel modo e tempo di poppare, così da prendere una parte maggiore di latte più ricco di acqua (il cosiddetto “primo latte”). Chiaramente il sistema naturale funziona perfettamente anche a Trapani con 44° se non date retta a chi vi dice di non allattare prima di tot minuti o ore, e fate il buon sano e semplice allattamento esclusivo a richiesta.

  • Idratazione della mamma: ascolta il tuo corpo.
Se sudi molto, oltre all'allattamento, avrai bisogno di liquidi, e la sete te lo dice con molta chiarezza. Porta con te una bottiglia di acqua semplice naturale, così l'avrai sempre a portata di mano. Preferisci sempre l'acqua agli altri liquidi, ma certo puoi bere anche succhi di frutta. Inoltre l'acqua è contenuta anche  nei cibi, in particolare nella frutta e nella verdura fresca che non dovrebbero mai mancare sulla tavola.  

  • Sudore: allattare richiede un grande contatto fisico. E' uno dei suoi vantaggi in effetti! Ma quando ci sono 39° e grondiamo di sudore, può dare un certo fastidio... Cosa fare allora?  

Intanto spogliatevi! Tu mamma metti un top, una maglietta molto leggera, e preferisci sempre i tessuti naturali, cotone e lino in testa. Il bimbo può essere lasciato anche col solo pannolino. E non mi venite a dire che poi si raffredda! State sudando sì o no? Poi potete tenere a portata di mano un asciugamano di lino, quelli della nonna, che rinfresca a asciuga il sudore, da tenere tra mamma e bimbo,  oppure un normale asciugamano bagnato, da passare sulla pelle tua e/o del piccolo.  

  • Anche ai bambini dà fastidio il caldo: spesso si sottovaluta, ma ai neonati il troppo caldo può dare anche molto fastidio. Possono essere nervosi o frettolosi al seno, perchè sentono il nostro calore e sudano.  

Cerca allora di rendere l'abbraccio mentre poppa più confortevole, per esempio con l'asciugamano fresco tra te e lui, facendogli spugnature umide, tanti bagnetti prima e dopo la poppata, ed eventualmente cercando anche una posizione con meno “contatto”. Per esempio alcune mamme si trovano bene con la presa da rugby (sottobraccio) oppure cavalcioni (con i bambini più grandi). Non è vero che l'aria condizionata è bandita coi bimbi piccoli. La cosa importante è usare il buonsenso, ma questo vale anche per noi adulti. La temperatura di comfort interna  è 25-27°, inoltre l'aria condizionata non deve essere mai oltre i 6-7° in meno rispetto all'ambiente esterno, soprattutto se siamo in procinto di uscire per una passeggiata.

  • Allatta in giro!  
A maggior ragione perché fa caldo, può essere molto piacevole uscire a andare in un parco, in pineta, o se sei in città in un posto dove si sta freschi. Non ti tappare in casa. Spero che tu non sia imbarazzata ad allattare in pubblico! Se invece lo fossi, vorrei farti riflettere sul fatto che tu sai di stare allattando ma spesso chi passa pensa che stai col tuo bimbo in braccio, e lo stesso bambino con la testa e il torace copre il 90% del tuo seno... se per esempio ti vesti “ a due pezzi”, cioè con una maglietta e pantalone o gonna, basta alzare la maglietta dal basso e sopra sarai coperta! Ma anche se hai una camicia da sbottonare, i bambini attaccati stanno davanti, insomma non si vede proprio un bel niente! Poi se ancora ti dà fastidio, puoi sempre tenere un foulard per coprire la parte superiore del seno, o comperare una t-shirt da allattamento.  

  • Viaggiare con un bimbo allattato? 
Allattare è davvero la cosa più comoda che c'è, ma una delle situazioni in cui maggiormente viene apprezzato è quando si viaggia. Infatti, se allatti non dovrai preoccuparti di portare con te niente, perché l'”attrezzatura” e il cibo sono in tua dotazione. Non devi preoccuparti dell'acqua da bere se sei in un paese tropicale, perchè il tuo latte non può essere “contaminato”. Se sei in aereo o in funivia, il bimbo allattato può poppare per compensare la pressione ed evitare il fastidio delle orecchie tappate. In aereo poi l'aria è molto secca e quindi generalmente i lattanti stanno attaccati al seno spessissimo per reidratarsi.


 Martina

Immagine presa qui




author profile image
Abdelghafour

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book.

Nessun commento

Posta un commento

Ti va di parlarne?

no