yes
no
6/mamme/slider
no
Image and video hosting by TinyPic

I cuscini per la gravidanza e l' allattamento

Nessun commento

Se qualcuno mi avesse indicato prima quei fantomatici cuscinoni a forma di salamone, di ciambella, di U più o meno allargata, probabilmente avrei evitato di requisire tutti i cuscini di casa durante la gravidanza e l'allattamento di mia figlia.
I cuscini per la gravidanza, che oggi esistono di diverse marche e in varie forme, dimensioni ed imbottiture, sono studiati apposta per supportare la schiena, la pancia e le ginocchia della mamma negli ultimi mesi della gravidanza (le ostetriche lo consigliano a partire dalla ventesima settimana), quando il sonno diventa difficoltoso e le pressioni del pancione particolarmente scomode. 
Oltre il 50% delle donne in attesa soffre infatti di lombalgie varie durante la gestazione a causa dell'aumento di peso localizzato a livello dell'addome, che comporta uno lo spostamento del baricentro in avanti con conseguente affaticamento della colonna vertebrale. Il sonno sulla schiena, in tali condizioni, non è molto confortevole per la donna: i dolori in corrispondenza della zona lombare, le difficolta' di digestione per la compressione degli organi interni, i movimenti del bambino che aumentano nell'ultimo trimestre, il peso del pancione in posizione supina, che schiaccia i vasi sanguigni ed in particolare la vena cava inferiore, che corre subito dietro l'utero e che porta il sangue dagli arti inferiori al cuore, rendono il riposo della donna in attesa piuttosto complicato. 
Le ostetriche consigliano la posizione su un fianco, il sinistro in particolare, anche perché sembra favorire una migliore irrorazione sanguigna al feto ed il corretto posizionamento del bambino per un parto più veloce e meno doloroso. Insomma, pare che il cuscino  da gravidanza sia un oggetto indispensabile per la donna in attesa. Ma non solo per l'attesa. Anche dopo.
Gli stessi cuscini possono infatti anche essere utilizzati durante l'allattamento, per tenere il bambino all'altezza giusta per la suzione al seno materno ed evitare di sforzare schiena, braccia e spalle per sostenerlo. La loro forma ergonomica permette di appoggiarvi delicatamente il bebè formando una sorta di nido-giaciglio che lo accoglie e lo coccola.
Di seguito qualche suggerimento.

Dreamgenii

Il più conosciuto, e detentore di diversi premi (tra i quali il Practical Parenting Award 2007/08), è il cuscino Dreamgenii, sviluppato assieme ad un team medico-scientifico e prodotto da Nuvita, che può essere utilizzato anche durante l'allattamento.






Per l'allattamento, il gioco e il sostegno del lattante in posizione seduta esiste anche il Dreamgenii 2®, evoluzione del precedente ma più orientato all'uso da parte del bambino.



Boppy

Il cuscino per l'allattamento Boppy è nato dall'idea di una giovane madre, Susan Brown, che voleva trovare una soluzione al sostegno della sua bimba appena nata, nei momenti di relax. Realizzò quindi un cuscino dalla forma particolare e molto avvolgente. Rendendosi conto che era un'esigenza comune a molti bambini, fondò nel 1990, a Golden (Colorado), l'azienda Boppy.
Il progetto fu accolto molto positivamente sia dai consumatori, che ne sottolineavano gli aspetti funzionali ed emotivi, sia dal personale medico-scientifico, che ne raccomanda da allora l'utilizzo. 
Il cuscino ha ottenuto diversi riconoscimenti, diventando anche, per ben nove anni consecutivi, in America, "Prodotto per bambini dell'anno" (dal 2002 al 2011), oltre ad aver avuto numerosi altri premi.
Utile per l'allattamento ma anche per il relax, il gioco sul pancino, e per aiutare infine il piccolo a tenere la posizione seduta.




Successivamente l'azienda ha sviluppato anche i cuscini della Linea Mom Comfort, per sostenere adeguatamente anche la mamma durante il delicato periodo della gravidanza.



Snoogle

Un altro marchio registrato che produce cuscini per la donna in gravidanza è Snoogle di Laechco, azienda nata per favorire la sicurezza ed il comfort di mamma e bambino.



Bioconforel

Per chi soffre di allergie esiste il cuscino Bioconforel®, un prodotto composto da morbida fibra siliconata indeformabile e rivestito da un tessuto antiacaro (Softbiocare®) consigliato dagli allergologi e garantito a vita,  e da una seconda federa in cotone 100% con motivo o colore a piacimento.




Lo trovate su bioallergen.com.

Guida alla scelta

Molti altri cuscini per la gravidanza e l'allattamento, di varie forme e dimensioni, sono oggi presenti sul mercato. La scelta di quale acquistare, proprio per questo motivo, potrebbe non essere così semplice.
Vi lascio con qualche paramentro importante per una scelta corretta:

  • Il requisito essenziale è che il cuscino sia brevettato ed omologato, o in ogni caso conforme alla normativa specifica. Questo garantisce che sia progettato e costruito secondo le precise raccomandazioni approvate da medici, ostetrici e ginecologi. La conformità alla normativa è indicata sul prodotto stesso.

  • E' importante che sia sfoderabile e facilmente lavabile, per garantire l'igiene di mamma e bambino.

  • Soprattutto per la gravidanza sarebbe bene provare fisicamente il cuscino nella posizione del sonno, prima dell'acquisto, poiché non tutte troviamo comoda la stessa posizione.

  •  Last but not least: l'imbottitura. Normalmente questa è in un materiale (definito "a fibra cava") capace di mantenere intatta la sua forma per adeguarsi al corpo della donna e facilitarne la postura corretta; condizione fondamentale, questa, per il funzionamento giusto del cuscino e l'assunzione della posizione adatta. 

  • E' bene anche che l'imbottitura ed il rivestimento esterno siano in materiali antiallergici, sia per la mamma che per il bambino.
Ultima informazione: esistono anche i cuscini da allattamento gonfiabili, utili a chi viaggia molto ed è costretto a lunghe trasferte nei primi mesi di vita del lattante.

author profile image
Abdelghafour

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book.

Nessun commento

Posta un commento

Ti va di parlarne?

no