yes
no
6/mamme/slider
no
Image and video hosting by TinyPic

SOS mamma: organizzare i pasti per le prime settimane dopo il parto

Nessun commento

Prima puntata: un Freezer a prova di neonato

La culla è pronta, così come la valigia per l'ospedale.
I cassetti del fasciatoio sono pieni di minuscoli vestitini, pannolini, cremine e tutto quello che potrà servirci per accogliere il nostro bambino.
Adesso non resta che attendere, fantasticando sulla meravigliosa avventura che ci aspetta.
Immaginiamo un fagottino morbido e profumato, già ci vediamo ad allattarlo sulla poltrona già pronta in cameretta.
Pensiamo che sarà bravissimo/a, che dormirà un sacco e noi saremo delle mammine radiose e serene.
Questo almeno pensavo io quando, 21 anni fa, aspettavo la nascita della mia prima figlia, avvolta in una nuvola rosa di sogni e speranze.
La realtà si è presentata qualche settimana dopo, nelle (microscopiche) vesti di una neonata che urlava a pieni polmoni i suoi bisogni, facendomi sentire impotente e inadeguata. Ventiquattro ore non erano sufficienti per occuparmi di lei, di me stessa e della casa.
Figuriamoci se avanzava tempo per fare cucinare.
Ricordo giornate con la bambina attaccata per ore al seno, senza il tempo per prepararmi qualcosa e finendo per sgranocchiare latte e cereali. E quando la sera mio marito rientrava trovava una moglie affamata e stremata che desiderava solo passargli la piccola dittatrice per poter fare una doccia (e anche per poter fare pipì se è per quello...).
Per le prime settimane ci siamo nutriti di pasti cucinati al volo (che erano già un lusso) o di pizze da asporto e pollo della rosticceria.
Ovviamente piano piano le cose sono tornate al loro posto ma il ricordo di quelle settimane, ancora adesso, non è piacevole.
E' per questo che, quando un anno dopo sono rimasta incinta della seconda figlia, ho deciso che le cose sarebbero andate diversamente.
Se con la prima ci eravamo potuti permettere di saltare i pasti, con una bimba di nemmeno due anni bisognava garantire almeno tre pasti al giorno sani ed equilibrati.
E ci sono riuscita, così come ci sono riuscita con la nascita della terza figlia e poi con il quarto.
Non sempre possiamo contare su aiuti esterni, allora bisogna organizzarsi bene quando se ne ha ancora la possibilità e cioè durante le ultime settimane di gravidanza perchè, credete a me, un esserino di poco più di tre chili riesce a sconvolgere la vita peggio di una catastrofe naturale.
In questo post vedremo come organizzare il nostro freezer in modo da garantirci pasti pronti o quasi per le prime settimane.
E poi cucinare sarà un ottimo esercizio per tenerci occupate, evitando di agitarci per il parto imminente.
La prima cosa da fare è svuotare e pulire bene il freezer in modo da avere uno spazio ottimale per conservare i nostri pasti.
Poi occorre procurarsi parecchi contenitori da freezer di varie misure (calcolate le porzioni per la vostra famiglia ma anche qualche porzione singola per i pranzi in cui non avrete tempo di cucinarvi nulla).

Vediamo ora quali sono i piatti che possiamo cucinare in abbondanza e surgelare.

Ragù (cuocetene tanto e dividetelo in porzioni è perfetto per condire la pasta ma anche una polenta istantanea)
Altri sughi (pomodoro e basilico, amatriciana, pomodoro e verdure...
Pesto
Polpette (in bianco, ai funghi, al pomodoro...)
Arrosto,  (basta cuocerne due o tre, affettarlo e congelarlo già diviso in porzioni.
Minestrone di verdura (ci vuole tempo per prepararlo, allora meglio farne tanto e poi congelarlo già porzionato)
Vellutata di zucca, di patate, di zucchine o quello che la fantasia suggerisce
Spezzatino (fatene almeno due versioni, ad esempio con piselli e con patate)
Roast beef (affettatelo sottile e dividetelo in porzioni va benissimo anche per un  panino al volo con pomodoro e lattuga)
Parmigiana di melanzane
Verdure ripiene (peperoni, melanzane, zucchine... anche qui si tratta di una preparazione lunga, vale la pena di prepararne in abbondanza e poi surgelarle divise in porzioni)
Polpettone di carne o di verdure
Pizza e focaccia (cuocerne in abbondanza, dividere in porzioni e congelare)
Brodo di verdure e brodo di carne (è un ottimo salvavita per un risotto ma anche per una minestrina veloce)
Lasagne al ragù, al pesto, ai funghi...
Timballo di riso alle verdure, al prosciutto e piselli, ai funghi...

Questi sono solo alcuni esempi di piatti che potete preparare in abbondanza e congelare.

Inoltre ci sono tanti surgelati pronti utilissimi da tenere in freezer, veri e propri alleati se si ha poco tempo:

Verdure grigliate
Filetti di pesce
Fettine di petto di pollo
Hamburger (fateveli preparare dal macellaio solo con carne scelta e congelateli divisi in porzioni)
Patatine da cuocere in forno
Spinaci, biete e altre verdure (sono già scottate, bastano pochi minuti per avere un contorno sano)
Mix di verdure per il soffritto
Cipolla, aglio, prezzemolo, basilico già tritati e surgelati.

Riempite il freezer con metodo, ricordando di scrivere sempre il contenuto e la data di congelamento.
E' un lavoro lungo ma potete pianificarlo parecchio tempo prima (ad esempio quando mancano tre-quattro settimane al parto) in modo da dosare le forse ed evitare di stancarvi troppo.

Questo del freezer è il primo step. 
La prossima volta parleremo di come organizzare la dispensa e poi il frigorifero...
author profile image
Abdelghafour

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book.

Nessun commento

Posta un commento

Ti va di parlarne?

no