yes
no
6/mamme/slider
no
Image and video hosting by TinyPic

#10CoseSuper: la salute delle mamme passa (anche) dai Social!

Nessun commento
Secondo i risultati di una recente ricerca, sarebbe possibile individuare le mamme che soffrono di depressione post parto analizzando cosa scrivono sui social, o meglio, cosa tweettano.
Sono stati raccolti i dati di 400 donne, i messaggi scritti nei 160 caratteri dei loro tweet, cosa contrassegnavano come "preferito" e i retweet.
In particolare sono state misurate quattro tipologie di comportamento:
  • coinvolgimento: frequenza con cui scrivevano messaggi, quanti di questi venivano retwittati da altri e le varie domande/link postati;
  • rete sociale: il numero di persone seguite e quello dei followers;
  • emozioni: attraverso un software sono state analizzate le parole utilizzate, evidenziando quelle che esprimevano gioia, tristezza, ansia, etc.
  • stile del linguaggio: l'analisi si è soffermata sugli articoli, ausiliari, preposizioni e pronomi. Sono parti del discorso ritenute importanti perché non veicolano il contenuto del messaggio ma tendono a variare in base all'umore, alla personalità o ad altre caratteristiche della persona. Sono inoltre molto difficili da tenere sotto controllo perché vengono scelti dal parlante molto spesso a livello inconscio.

Sulla base di questo elenco, è stato analizzato il materiale prodotto dalle madri fin dalla gravidanza e, se da un lato è stato appurato che tutte le donne manifestavano dei cambiamenti col passare dei mesi, quelle che poi avrebbero sofferto di DPP presentavano alcune caratteristiche ricorrenti.

Dai risultati è emerso infatti che le donne con tendenza a sviluppare una DPP presentano:


  • una minore frequenza dei loro tweet e del numero dei follower;
  • una diminuzione dell'uso dei pronomi di seconda e terza persona (tu, lui/lei, voi, loro);
  • uso frequente delle domande.


L'aspetto interessante di questa ricerca è che questo tipo di algoritmo va ad analizzare dei segnali molto sottili che, anche se non sono espressione diretta della DPP, possono fornire indicazioni utili attraverso una modalità non invasiva.


Poiché noi di QNUM crediamo moltissimo nelle potenzialità della Rete, come possiamo utilizzare i Social per fare prevenzione?


Chi ci segue da molto tempo probabilmente ricorderà il nostro primo Social Event, #10CoseSuper.
In sostanza si trattava di elencare i 10 elementi che ci facevano sentire super in determinati ambiti o situazioni della nostra vita di mamme. Abbiamo più volte invaso la rete di entusiasmo, di positività e ottimismo e non è cosa da poco, visto che noi mamme siamo spesso molto brave a sottovalutare le nostre risorse.


Le vacanze sono finite da pochi giorni, abbiamo fatto il pieno di bellissime emozioni e abbiamo portato a casa nuove consapevolezze e tanti buoni propositi per questo nuovo anno che, per le mamme,  spesso coincide con il nuovo anno scolastico.


Per evitare che sbiadiscano con l'abbronzatura perché non metterli per iscritto e condividerli con le altre mamme?
Cosa avete scoperto di voi stesse durante l'estate? Quale risorsa avete rispolverato? Quali sono i buoni propositi da mettere in pratica durante l'inverno? Quali nuove abitudini?
In cosa vi siete sentite Super in vacanza?


Sceglietene 10  e giovedì 10 Settembre 2015 raccontatecelo attraverso:


  • post sui vostri blog (postateci il link qui nei commenti o sulla nostra pagina fb)
  • un commento con il vostro elenco sulla nostra pagina fb;
  • 10 tweet preceduti da #10CoseSuper





#SosteniamoLeMamme usando la Rete e diffondiamo l'entusiasmo delle mamme, non mancate!


author profile image
Abdelghafour

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book.

Nessun commento

Posta un commento

Ti va di parlarne?

no