yes
no
6/mamme/slider
no
Image and video hosting by TinyPic

Cara neomamma... [le parole che vorrei dirti]

Nessun commento

Cara neomamma,
congratulazioni, sono davvero felice per te!
Guarda il piccolo che tieni stretto: la sensazione di onnipotenza che provi ora è il miracolo della vita che proprio tu hai contribuito a realizzare.
Se senti il tuo cuore esplodere non temere: una gioia così grande fa fatica a stare in uno spazio ristretto, per questo può capitare che esca fuori sotto forma di lacrime. Lasciale scorrere libere, portano con sé la felicità per la nascita, la paura di non farcela, il dolore del parto, la tensione dell’attesa e decine di altre emozioni che ti hanno accompagnata in questi ultimi mesi.
E’ appena nato un bambino e con lui la sua mamma: questa parola ti accompagnerà da ora in avanti per tutto il resto della vita.  E quando sarà lui a pronunciarla per la prima volta ti garantisco che sarà come rinascere di nuovo e sarà così per ogni traguardo che raggiungerete insieme.
Non tutte le giornate saranno uguali, probabilmente la stanchezza verrà a trovarti spesso insieme a molte altre emozioni.
Non preoccuparti se ti capita di guardare il tuo bimbo e sentirti persa: il legame tra voi necessita di cura costante, di tempi dilatati, di tentativi pazienti, di errori scontati e di successi sudati.
Non preoccuparti se all’improvviso ti senti pervadere dalla tristezza: anche se non sai da dove arriva e perché abbia scelto proprio un momento così bello della tua vita, lasciala uscire con le parole o con le lacrime. Così come è arrivata, se ne andrà.
Non preoccuparti se ti senti stanca, dopo tutto quello che il tuo corpo ha dovuto affrontare negli ultimi mesi ci vorrà del tempo per recuperare. Delega agli altri tutte le incombenze pratiche che ti sottraggono energie preziose da utilizzare per la cura di te e del tuo piccolo.
Non preoccuparti se noti dei cambiamenti nel sonno e nell’appetito: gli orari irregolari della tua nuova vita comportano un nuovo adattamento del tuo fisico. Cerca di riposare più che puoi, mangia regolarmente e bevi molta acqua per mantenere il tuo corpo idratato.
Ti capita di pensare che sei una pessima mamma? Stai serena, le mamme perfette appartengono solo alla mitologia, nel terzo millennio esistono solo quelle (IM)perfette che fanno del proprio meglio ogni giorno.
Se hai partorito da meno di un mese, stai attraversando il “Baby Blues”, una situazione fisiologica e transitoria dovuta agli sbalzi ormonali.
Se invece questi sintomi sono presenti per un periodo più lungo allora parlane con qualcuno.
Confidati con una persona di cui ti fidi, qualcuno che sappia ascoltarti senza giudicarti, il tuo partner, un’amica, una sorella, un familiare. A volte basta condividere le proprie emozioni per ridimensionarle e sentirsi meno aliene.
Chiudi i manuali e le riviste patinate che mostrano ricette facili e immagini di mamme perfette e cerca un gruppo di supporto online o sul territorio: parlare con altre mamme che stanno attraversando lo stesso tsunami emotivo aiuta a non sentirsi sole.
Se, nonostante questo, i sintomi non migliorano, rivolgiti al tuo medico di fiducia. Lui saprà suggerirti la soluzione migliore per te.
E quando questo periodo difficile sarà passato e ti capiterà di incontrare una neomamma come lo sei stata tu, accogli le sue emozioni, ascolta le sue parole, stringila in un forte abbraccio e dille:


Non sei sola. Non c’è nulla di cui vergognarsi. Andrà tutto bene.


Chiaraluce
author profile image
Abdelghafour

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book.

Nessun commento

Posta un commento

Ti va di parlarne?

no