yes
no
6/mamme/slider
no
Image and video hosting by TinyPic

#SosteniamoLeMamme: l'importanza del sostegno reciproco - Silvia Del Bello, Doula

Nessun commento


Ci potresti descrivere di cosa ti occupi a livello professionale e in cosa consiste il tuo lavoro di supporto alla maternità?
Sono una Doula (nome di origine greca: “far da madre alla madre”) e sto accanto alla mamma e ai membri della nuova famiglia sostenendoli  a livello pratico, emotivo e spirituale dal concepimento al primo anno di vita del bimbo e lavoro in tutte le Marche, quando è possibile.
Sono socia dell’associazione “Un Caldo Abbraccio” di Osimo (Ancona) composta da mamme-professioniste che si occupano della nascita e della genitorialità nel rispetto dei principi dell’attaccamento parentale attraverso la pratica di una nascita  naturale, del babywearing, del massaggio, dell’allattamento prolungato , del co-sleeping e della non-violenza.
Oltre ad essere una doula sono anche un’educatrice professionale, per cui utilizzo la mia decennale esperienza sul piano educativo  per affiancare i genitori nel crescere, ascoltare ed amare i propri figli, rispettando le esigenze di ognuno.
Inoltre, grazie alla continua formazione personale, intraprendo con la famiglia un vero e proprio viaggio di consapevolezza attraverso l’utilizzo di visualizzazioni, di varie espressioni artistiche, della comico terapia, del massaggio, dell’equilibrio dei quattro elementi  e… Ciò che conta veramente per me è che  siano loro a scegliere liberamente e coscientemente ogni passo,  sin dal primo istante in cui decidono di dare alla luce un bambino.
Non ho competenze mediche ed è per questo che collaboro con l’equipe medica, quando necessario, e con altre figure para-mediche per dare maggiore supporto alla famiglia.
Spesso è chi mi chiama a darmi il ruolo di cui ha bisogno e quasi sempre capita che, una volta istaurata la fiducia reciproca, il nostro rapporto cambi e mi ritrovo ad avere più ruoli contemporaneamente!
Ad esempio mi può accadere che durante un incontro con una mamma in gravidanza facciamo  una visualizzazione del bimbo,  un massaggio dove lei desidera, due parole  sui suoi dubbi o paure di fronte ad una tazza di thè e poi le vado a fare la spesa o vado al parco con l’altro bimbo, mentre lei fa una doccia.

Che tipo di supporto hai (o non hai) ricevuto quando sei ri-nata mamma?
Ho due figli ed entrambi sono nati in casa con la presenza di una grande donna e ostetrica privata, Emanuela Banchetti e del loro babbo. In entrambe le gravidanze, inoltre, ho scelto di chiedere sostegno prima, durante e dopo il parto a mia sorella e ad alcune mie amiche. In base alla loro competenze e alle loro passioni ognuna mi è stata accanto durante i vari momenti.
Il supporto pratico poi non mi è certo mancato da parte dei miei genitori e dei miei suoceri.

Perché secondo la tua esperienza personale e professionale è importante sostenere le mamme?
Durante la gravidanza, il parto e la nascita di un figlio, viviamo una grande rinascita; improvvisamente ci ritroviamo ad essere genitori e non più figli.
Questa trasformazione crea una miriade di emozioni e sentimenti contrastanti che spesso vengono sommersi dalle parole e dai consigli egli esperti.
Sono fermamente convinta che l’unica verità sia quella che si nasconde dentro di noi e che ognuno, in fondo, sappia come affrontare questa nuova situazione, ma spesso ce ne dimentichiamo, presi dalla novità e dall’insicurezza.
Le figure di sostegno, come la doula, possono starci accanto in questo percorso  di crescita aiutandoci a ritrovare il nostro centro e la nostra forza, oltre che il nostro spazio.

Una rete di supporto funzionale quali caratteristiche, servizi e modalità dovrebbe avere?
Innanzitutto dovrebbe essere composto da vari professionisti interpellabili per ogni più svariata esigenza, raggiungibili grazie ad un portale e al passa parola.
Poi dovrebbe creare incontri di scambio e di confronto tra le varie famiglie, sulle tematiche inerenti alla nascita e alla crescita dei figli  in modo da evitare la solitudine che spesso si vive  in questi momenti.

#SosteniamoLeMamme: cosa possiamo fare per trasformare questo slogan in realtà?
Basterebbe divulgare il più possibile queste figure di sostegno con i vari mezzi di comunicazione, facendo pubblicità dai pediatri, nelle farmacie, dai medici di base, nei portali, nei social e nelle riviste delle mamme e quindi dimostrare che la possibilità di essere sostenute esiste davvero!

E soprattutto direi  #sosteniamocil’unl’altra



Silvia Del Bello, Doula
inviaggioconladoula.jimdo.com
author profile image
Abdelghafour

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book.

Nessun commento

Posta un commento

Ti va di parlarne?

no